Benvenuti

NEL SITO DELLA

PARROCCHIA DI SANT’ANDREA

TORTOLI’ (OG)

 

ORARI SANTA MESSA

 

Domenica e festivi

 

ore 07.30, 10.00, 19.00

 

durante la settimana

ore 19.00

 

 il sabato ore 19.00

si celebra in S.ANTONIO

 

 

 

DOMENICA 17 GIUGNO

 

IL REGNO DI DIO E' ANZITUTTO DONO

 

Di fronte all’insignificanza della fede nel mondo di oggi corriamo il rischio noi cristiani di non credere nella forza del Vangelo e di perdere la speranza rinunciando ad impegnarci per Cristo e per la Chiesa. Le due parabole del seme e del granello di senape sono la risposta a questo disagio e pertanto un invito alla speranza e all’impegno. È qui il grande messaggio di fiducia e speranza che non siamo soli, che la buona riuscita dell’annuncio dipende soprattutto dalla potenza di Dio. Il mezzo alle difficoltà e problemi della vita, siamo chiamati ad impegnarci, lasciando però che il Signore agisca in noi. Chiediamo al Signore di crescere nella fiducia verso di Lui e davanti alle fatiche della vita e dell’annuncio, impariamo a confidare nella Sua presenza.

  

Con la parabola del seme che cresce da solo e del granello di senape che diventa un grande albero Gesù ci parla oggi del regno di Dio, della sua potenza nascosta e della sua efficacia inattesa e misteriosa. Nella prima parabola l’accento è posto sul dinamismo del seme che, gettato nel terreno, germoglia e cresce, sia che il contadino dorma sia che vegli. Il contadino nella fatica di seminare è sostenuto dalla fiducia nel seme e pertanto dalla paziente attesa della sua crescita. Così è il Regno di Dio: ha in sé un'efficacia misteriosa che non dipende da chi lo annuncia. La parabola del granello di senape evidenzia la sproporzione tra le piccolezza del seme e la grandezza sorprendente della pianta. Il piccolo seme diventa un grande albero per la forza che hai in sé. Il chicco di senape è tra i semi più minuscoli, eppure, se seminato, diventa un grande albero. Così è il regno di Dio: piccola realtà, ma che ha in se una potenza misteriosa, silenziosa, irresistibile ed efficace. Il messaggio è chiaro: il Regno di Dio, anche se esige la nostra collaborazione, è innanzitutto dono del Signore. Il Regno è opera di Dio e non degli uomini. Il Regno non si impone per la sua potenza esteriore, segue una logica diversa da quella del mondo: sceglie la via della debolezza. È la via scelta da Gesù. Il Regno e Lui, si dentistica con Lui. È lui il seme gettato nella terra degli uomini, un seme piccolo, debole, maltrattato, ingiuriato, scartato. Eppure questo seme gettato a terra, una volta morto, è risorto e ha esteso i suoi rami sino ai confini della terra.  Le parabole sono un invito alla fiducia, alla speranza, ma insieme all’impegno coraggioso e gioioso. Il pericolo più grande è quello di perdere la pazienza, di scoraggiarci.       

                                        

 Don Piero 

Preghiera

 

 Sgnore Gesù,

all’inizio delle stagione estiva,

rendici vigilanti

nell’accogliere

occasioni di riposo,

di vera amicizia,

di preghiera,

per crescere nella fede

e nella carità.

Amen!

 

SCARICA E LEGGI IL SETTIMANALE DELLA PARROCCHIA

TORTOLI' IN CAMMINO 

Tortolì in Cammino 17 - 23 giugno.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.7 MB

ed il Vangelo a Fumetti

Vangelo a fumetti - 17 Giugno 2018 - XI
Documento Microsoft Word 1.2 MB

  

**** BACHECA NEWS ****

 

AVVISI E PROGRAMMI DELLA PARROCCHIA

 ESTATE TEMPO DI CAMPISCUOLA…

RENDIAMOCI DISPONIBILI

 

Ogni giorno alle ore 18.15, onoriamo il Sacro Cuore

con la tradizionale coroncina e le litanie.

Animeranno la preghiera

le socie dell’Apostolato della preghiera,

dell’Assunta e delle altre Associazioni parrocchiali.

 

SCUOLA MATERNA PARROCCHIALE MONS. EMANUELE VIRGILIO

 

La scuola dell’Infanzia MONSIGNOR VIRGILIO intende aprire le porte, come lo scorso anno, anche quest’estate 2018, proponendovi attività extra scolastiche mirate a promuovere e arricchire, in maniera giocosa, la crescita del bambino (3–10 anni).  Per informazioni e iscrizioni rivolgersi alla segreteria della scuola, in via Vittorio Emanuele, 25 a Tortolì, dalle ore 8,00 alle ore 17,30, tutti i giorni dal lunedì al venerdì, il sabato dalle ore 8,00 alle ore 13,30.

 

Tel. 0782 623206

Vi offriamo pacchetti personalizzati secondo le vostre esigenze,

contattateci e sarete esauditi.

 

 

 

    GIUGNO MESE DEL SACRO CUORE

 

 

 I primi impulsi alla devozione del Sacro Cuore di Gesù provengono dalla mistica tedesca del tardo medioevo, in modo particolare da Matilde di Magdeburgo (1207-1282), Matilde di Hackenborn (1241-1299), Gertrude di Helfta (ca. 1256-1302) ed Enrico Suso (1295-1366). Tuttavia la grande fioritura della devozione si ebbe nel corso del XVII secolo, prima ad opera di Giovanni Eudes (1601-1680), poi per le rivelazioni private della visitandina Margherita Maria Alacoque, diffuse da Claude La Colombière (1641-1682) e dai suoi confratelli della Compagnia di Gesù. La beata Maria del Divin Cuore, contessa Droste zu Vischering, dotata di doni mistici, ispirò il Papa Leone XIII a promulgare l'enciclica Annum Sacrum, con cui si effettuava la consacrazione del genere umano al Sacro Cuore di Gesù. Durante il XVIII secolo si accese un forte dibattito circa l'oggetto di questo culto: nel 1765 la Congregazione dei Riti affermò essere il cuore carneo, simbolo dell'amore. I giansenisti interpretarono questo come atto di idolatria, ritenendo essere possibile un culto solo al cuore non reale, ma metaforico; papa Pio VI, nella bolla Auctorem fidei, confermò la dichiarazione della Congregazione notando che si adora il cuore "inseparabilmente unito con la Persona del Vero". Importante nello sviluppo della devozione al Sacro Cuore risultano tre encicliche: Annum Sacrum di Leone XIII, Miserentissimus Redemptor di Pio XI e soprattutto l'enciclica Haurietis Aquas di Pio XII.

 

Dal primo giugno inizia il mese dedicato al Sacro cuore di  Gesù

con la preghiera della coroncina del Sacro Cuore e delle litanie

coordinato dall’ Apostolato della preghiera.  

 

LA VOCE DEL SANTO PADRE  

    

GIOVANI, NON SIATE CRISTIANI "NANI"

DAL CUORE RIMPICCIOLITO

 

Meglio diffidare delle imitazioni. Specialmente se sbiadite, scolorate, smorte. «Chi, potendo scegliere fra un originale e una copia, sceglierebbe la copia?». Se l'è chiesto, stamane papa Francesco ,inaugurando una serie di catechesi dedicata ai comandamenti. «Ecco la sfida», ha proseguito Jorge Mario Bergoglio: «Trovare l’originale della vita, non la copia». «Gesù non offre surrogati, ma vita vera, amore vero, ricchezza vera!», ha ammonito il Papa: «Come potranno i giovani seguirci nella fede se non ci vedono scegliere l’originale, se ci vedono assuefatti alle mezze misure? È brutto trovare cristiani a mezza misura, cristiani "nani", che crescono fino a certa statura e poi no, cristiani col cuore rimpiccolito, chiuso, è brutto trovare questo!», ha esclamato a braccio: “Ci vuole l’esempio di qualcuno che mi invita a un ‘oltre’, a un ‘di più’. 

 a cura di Marco LADU

 

 

La Santa Sede

Diocesi di Lanusei


 

Comune di Tortolì


Nota di Redazione 

 

nel caso si rilevi qualche errore,

s'invita l'attento visitatore alla collaborazione,

inviando una mail al seguente indirizzo

 

 webmaster@parrocchiasantandreatortoli.org

 

grazie mille