Benvenuti

 

PARROCCHIA

SANT’ANDREA APOSTOLO - TORTOLI’ 

 

PARROCCHIA DI SANT'ANDREA APOSTOLO

 

ORARI SANTE MESSE

 

Giorni Feriali 

ore 18.00

 

il sabato si celebra

in Sant'Antonio alle

ore 18.00

 

Giorni Festivi

ore 7.30 - ore 10.00

 ore 18.00

 

21 APRILE

 

DOMENICA DI PASQUA

RISURREZIONE DEL SIGNORE

 

PASQUA!

DAL SEPOLCRO VUOTO

IRRADIA LA SPERANZA! 

 

La Pasqua è una forza, una energia d’amore che viene posta come lievito nella vita degli uomini ed è una energia incredibile: alimenta e sorregge la nostra speranza di risorgere anche noi. Ci dà la certezza della Redenzione, perché Cristo morendo ci ha liberati dai peccati, ma risorgendo ci ha restituito quei preziosi beni che avevamo perduto con la colpa 

 

Cristo è risorto! È questo l’annuncio gioioso che risuona nel mondo da quel lontano mattino nel quale alcune donne, recatesi alla tomba di Gesù, e avendola trovata vuota, hanno sentito dagli angeli la sbalorditiva notizia: “È risorto, non è qui”.

           Il mistero pasquale della vittoria di Cristo sulla morte è il cuore del cristianesimo, è il nucleo centrale della nostra fede. È la sorgente della “vita nuova” che fa di noi “nuove creature”. È il fondamento della speranza, la radice di un amore che si fa carità verso Dio e verso il prossimo.

  Pasqua è la madre di tutte le feste cristiane, ma prima ancora la Pasqua è un avvenimento, l’unico vero avvenimento che dà senso ad ogni cosa. Un avvenimento che ha cambiato non solo la vita dei primi testimoni, ma anche del mondo.

  Quel mattino, con l’animo angosciato e triste, Maria si è recata al sepolcro, per piangere la morte del suo maestro. Ma, avendolo trovato aperto, aveva pensato subito al trafugamento del cadavere. Corse allora a portare la notizia ai discepoli. Da quella tromba vuota è scaturita la vita. Il Cristo risorto è la sorgente della vita.

  Con la Risurrezione di Gesù tutto si fa nuovo, tutto è illuminato dalla luce della Pasqua, ed il male, il peccato, sono vinti e noi siamo redenti. Oggi siamo chiamati ad accogliere, nella fede, l’annunzio di Maria di Magdala, siamo chiamati anche noi a correre, come Pietro per lasciarci alle spalle le tenebre del nostro egoismo e, come il discepolo che Gesù amava, a entrare nel sepolcro e vedere e credere. La Pasqua è la certezza che il male alla fine è sconfitto. 

    Don Piero

 

  

PREGHIERA

 

 

Signore Gesù

 

benedetta quell'alba di pietra rimossa,

alba di sepolcro luminoso, alba di speranza, di vita,

di sconcerto e di gioia!

Che la luce della tua Pasqua dia senso

ad ogni istante della nostra vita,

che la tua Risurrezione gloriosa sia la lampada

che guida i nostri passi e ci aiuta a trovare senso al nostro passato,

alla storia dell’oggi e a tutta la storia,

da sempre e per sempre.

 

Alleluia! 

SCARICA E LEGGI IL SETTIMANALE DELLA PARROCCHIA

TORTOLI' IN CAMMINO 

Tortolì in Cammino 21 - 27 Aprile.pdf
Documento Adobe Acrobat 3.1 MB

IL VANGELO A FUMETTI

Vangelo a fumetti -21 Aprile 2019 - Dome
Documento Microsoft Word 598.5 KB

  

**** BACHECA NEWS ****

 

AVVISI E PROGRAMMI DELLA PARROCCHIA

 I RAGAZZI DOMANDANO....

Di ASSUNTA STECCANELLA 

 

Perché si dice sempre: 

« Morto e Risorto? »

 

 Gesù è risorto proprio perché è veramente morto. Per risorgere prima bisogna morire. La Risurrezione di Gesù, un fatto unico e straordinario, è al cuore della nostra fede. La Risurrezione è infatti il punto centrale del cristianesimo (come dice san Paolo in 1Corinzi 15).

Un fatto straordinario! La Risurrezione è un avvenimento così originale che nessun uomo, in nessun tempo della storia, aveva mai potuto concepirla. I miti su quello che capita dopo la morte sono moltissimi, si parla di reincarnazione (nelle religioni orientali), di riposo nell'Ade (per i greci) o in paradisi pieni di delizie, di anime che tornano a godere del cibo e delle loro cose (come per gli antichi egizi), ma che qualcuno, attraversata la soglia della morte, potesse ritornare in vita in modo reale eppure completamente nuovo, non era mai stato immaginato.

Battesimo ed Eucaristia fanno risorgere anche noi! La cosa bella, però, è che ciascuno di noi, con il Battesimo, è unito indissolubilmente a Cristo: quando siamo stati battezzati è stato come se, con quell'acqua, venissimo tuffati dentro di Lui, nella sua vita. E questa unione si rinnova ogni volta che Cristo si ‘tuffa’ dentro di noi quando riceviamo la Comunione. Questo ci permette di vivere la nostra vita come Lui, nell'amore per Dio e per il prossimo: l’amore diventa la nostra legge e sconfigge la morte. Così, quando sarà il momento, con moriremo insieme a Cristo che ci terrà la mano, accompagnandoci attraverso la soglia della morte per portarci nella Risurrezione: “Se infatti siamo stati completamente uniti a Lui con una morte simile alla sua, lo saremo anche con la sua Risurrezione” (Romani 6,5). Nell'amore di Cristo la morte è stata sconfitta, si è trasformata anche per noi in una porta che si apre sulla vita, quella vera, che non finisce mai. 

 

Deus divinu,

su Re de sos rese,

po nois chi nos

tenes tantu amore,

es ch’in sa rughe

crocifissu sese,

affrontadu sa morte cun dolore;

trafittu in manoso e i pese,

oe cunverti ogni essere umanu.

Benzadà tie ogni penitente,

su malaidu chi cammine sanu,

libera de galera ogn’innocente.

A custa Cresia de                                                             Sant’Andria

                                                       sias presente in bona                                                          cumpagnia.

                                                                     

Pietro Falchi


Cristo vive.

Egli è

la nostra speranza

e la più bella giovinezza

di questo mondo.

Tutto ciò che Lui tocca

diventa giovane,

diventa nuovo,

si riempie di vita!

 

Papa Francesco

 

Faccio Pasqua, Signore!

  


Faccio Pasqua, Signore.

Mi lascio invadere da gioia, ottimismo e felicità.

Tu hai vinto, morte, malessere e malvagità,

e vuoi che sia così anche per me.

Mi dici di avere fede, di ascoltare la tua Parola

e di seguire i tuoi passi.

Mi chiedi di aprire la mente, di riconoscere i segni di vita,

di puntare dritto verso il cielo scommettendo su di te.

Ti dico sì, caro Gesù. Faccio Pasqua con te.

 

A tutti  Buona e Santa Pasqua 2019!

                    Don Piero - Padre Marco - Mario Diacono 

 

 

La Redazione di “Tortolì in Cammino”

ringrazia tutti coloro che con la simpatia,

i suggerimenti e l’aiuto anche materiale, sostengono questo utilissimo strumento di comunicazione e di catechesi che ogni settimana entra nelle case dei parrocchiani e non.    

 

Augura a tutti una Buona e Felice Pasqua! 

IL SANTO PADRE                                                    LE OMELIE DI PAPA FRANCESCO

 "Papa Francesco:

contro il trionfalismo vince il

« tacere mite »"

 

Attenzione alla mondanità spirituale, "maggior pericolo e tentazione più perfida che minaccia la Chiesa". Papa Francesco , durante la celebrazione della Domenica delle Palme ha elevato ancora una volta il suo no ai trionfalismi e invitato i moltissimi ragazzi presenti, in occasione della ricorrenza diocesana della XXXIV Giornata della Gioventù a non vergognarsi nel manifestare l'entusiasmo per Gesù. Per il Pontefice "nei momenti di oscurità e grande tribolazione" bisogna "avere il coraggio di tacere, purché sia un tacere mite e non rancoroso". Questa mitezza, precisa, "ci farà apparire ancora più deboli, più umiliati, e allora il demonio, prendendo coraggio, uscirà allo scoperto. Bisognerà resistergli in silenzio, 'mantenendo la posizione'". Occorre avere pace nel cuore che "non è distacco, non è impassibilità o superomismo, ma è abbandono fiducioso al Padre e alla sua volontà di salvezza, di vita, di misericordia", perché con la Croce "non si può negoziare, o la si abbraccia o la si rifiuta".

 

  A cura di Marco Ladu

 

ASPETTANDO IL 1° MAGGIO

L'AZIONE CATTOLICA ORGANIZZA

 

Domenica 28 aprile ore 15.30

nel salone parrocchiale

 

“POMERIGGIO INSIEME ASPETTANDO IL 1° MAGGIO”

 

Sono invitati i ragazzi dei gruppi

del catechismo e le famiglie

Per prepararci alla giornata con cartelloni

canti e tanta allegria…

 

 

 

 

La Santa Sede

Diocesi di Lanusei

 

 

Comune di Tortolì


Nota di Redazione 

 

nel caso si rilevi qualche errore,

s'invita l'attento visitatore alla collaborazione,

inviando una mail al seguente indirizzo

 

 webmaster@parrocchiasantandreatortoli.org

 

grazie mille